quanto costa un sito web nel 2017?

C’è ancora molta confusione sui costi realiper creare un sito web.

Molte agenzie e freelance se ne approfittano facendo pagare migliaia di euro per un progetto che ne potrebbe costarne qualche centinaio.

Purtroppo il prezzo di un sito è un insieme di tanti fattori diversi è può essere difficile capire dove vanno davvero a finire i tuoi soldi.

Come risparmiare senza rinunciare alla qualità?

In questa pagina ti spiego in modo chiaro e semplice:

  • Quanto costa davvero un sito web in Italia
  • Quali fattori incidono sul prezzo
  • Degli esempi di budget suddivisi tra web agency e freelance

Stime dei costi per sviluppare un sito in Italia

In questa tabella puoi confrontare le stime di prezzi per diversi tipi di sito (statico, dinamico, ecommerce, ecc.) a seconda di caratteristiche e professionisti scelti.

Questi prezzi sono una media fatta raccogliendo diversi preventivi online e in privato, da professionisti e agenzie. I costi riportati sono da considerarsi indicativi, poichè ogni web agency e freelance ha dei suoi listini prezzi ben specifici, anche molto diversi gli uni dagli altri.

Tipo di sito
Numero di pagine
Prezzo con Freelance
Prezzo con piccola Web Agency
Prezzo con grande Web Agency
Sito web statico / vetrina
1 - 5
400€
800€
N/D
Sito web dinamico
10+ aggiornamenti continui nel tempo
800€
2.000€
+7.000€
Grande sito dinamico
500 / 2000 + aggiornamenti continui nel tempo
N/D
+25.000€
+60.000€
Sito web con Applicazioni / funzioni specifiche
varia
N/D
N/D
+95.000€
Piccolo eCommerce
20 / 40 prodotti
1.000€
4.000€
N/D
eCommerce standard
100 / 1.000 prodotti
5.000€
+20.000€
+65.000€
Grande eCommerce
5.000 / 20.000+ prodotti
N/D
+75.000€
+120.000€

Le caselle con N/D (non disponibile) stanno a indicare che quel tipo di professionista solitamente non offre quel servizio o che non vale la pena investire i tuoi soldi con loro per quel tipo di sito.

Puoi anche trovare altri articoli dedicati al costo dei siti web su pagine come Futuraimmagine, Giovanni Fracasso, AMD Web, Viasetti, Nuovo Sito, Youon e MBros.

preventivo gratuito per il tuo sito web

Quanto costa il TUO sito: preventivo e consigli gratuiti

Da come hai ormai capito, a seconda del tipo di sito e delle caratteristiche di cui hai bisogno il prezzo può cambiare molto.

Per questo è impossibile sapere esattamente quanto può costare il tuo sito cercando online: puoi solo trovare dei prezzi indicativi su progetti simili.

Se vuoi ricevere una stima più precisa di quanto potrebbe costare il sito che hai in mente, mandami un messaggio.

Analizzerò il tuo progetto e ti manderò un preventivo gratuito per capire con chi ti conviene lavorare per avere il miglior sito al giusto prezzo.

Perchè ci sono queste differenze di prezzo?

Il costo maggiore o minore a seconda della agenzia o freelance dipende soprattutto dalla grandezza del team.

Solitamente una Web Agency ha dei costi di struttura molto più alti rispetto a un singolo freelance.

Le agenzie devono:

  • pagare decine di dipendenti e collaboratori tutti i mesi
  • pagare l’affitto dell’ufficio
  • pagare le bollette di luce, GAS e Internet per tenere aperto l’ufficio
  • pagare una ditta di pulizie per pulire l’ufficio
  • pagare tasse molto alte
  • pagare la pubblicità per farsi conoscere a molti clienti
  • …e tanto altro ancora.

Le web agency hanno costi fissi molto alti solo per tenere aperto il loro ufficio, anche quando non hanno clienti.

Se vogliono sopravvivere devono farti pagare un sito più di quanto vale nella pratica, altrimenti non rientrerebbero nelle loro spese.

Per questo le agenzie lavorano soprattutto con medie e grosse imprese che hanno dei budget più alti per il loro sito.

differenze costo tra web agency e freelance

Un freelance invece ha dei costi fissi molto più bassi.

  • deve pagare solo sé stesso
  • lavora da casa (magari di proprietà, senza pagare un affitto ogni mese)
  • viene tassato meno di una azienda
  • gestisce direttamente da solo i rapporti con i suoi clienti
  • si fa conoscere con il passaparola o posizionando personalmente il suo sito su Google, perchè ha bisogno di pochi clienti
  • non paga spese aggiuntive per tenere aperta la sua attività, perchè  quelle piccole spese (come le bollette) fanno già parte della sua vita privata.

Questo permette a un freelance onesto di offrire i suoi servizi a un prezzo più basso, soprattutto quando si segue la filosofia del downshifting.

Un freelance può quindi lavorare con quelle piccole / medie imprese che non hanno grossi budget per la loro presenza online.

Un sito più costoso è meglio di uno più economico?

Attenzione: non sempre un sito che costa molto è meglio di uno che costa poco.

Basta vedere l’esempio di un sito fallimentare come Italia.it costato 90 milioni di euro.

Nella maggior parte dei casi sia le web agency che i freelance utilizzano gli stessi sistemi standard come WordPress, che permettono di realizzare siti professionali di qualità a prezzo bassissimo.

Un piccolo / medio sito statico o dinamico fatto da un’agenzia o da un freelance ha quindi la stessa qualità.

La differenza di prezzo sta solo nella differenza di costo orario:

  • alla agenzia web paghi un costo fisso di servizio molto alto
  • a un freelance paghi un costo fisso di servizio molto basso
  • il sito che ti fanno è lo stesso

Anche per creare un piccolo / medio negozio online oggi si possono usare sistemi standard come Woocommerce, che permettono a liberi professionisti e agenzie di sviluppare un eCommerce professionale in poco tempo.

sito costoso migliore di sito un economico?

Perchè pagare di più un sito uguale?

Quello che le web agency offrono nel costo più alto è un team composto da diverse persone specializzate in diversi ambiti.

Ad esempio con una web agency paghi:

  • un dipendente che lavora alla grafica del sito
  • un dipendente che scrive i contenuti
  • un dipendente che si occupa della parte strutturale tecnica del sito
  • un dipendente che ti segue per rispondere alle tue email e telefonate
  • un dipendente che si occupa delle fatture e dei pagamenti

Con un freelance invece paghi:

  • una sola persona che fa tutti questi lavori direttamente

Nelle agenzie web ci sono solitamente le figure dette “commerciali” che dedicano il loro tempo a cercare nuovi clienti, parlare con i clienti attivi e raccogliere le loro richieste.

Un freelance invece parlerà direttamente con te per decidere come fare il tuo sito e poi si metterà a farlo.

Naturalmente il commerciale di una web agency può dedicare più tempo a leggere le tue email e rispondere alle tue telefonate perchè il suo lavoro è solo quello.

Un freelance ha meno tempo per seguire ogni tua richiesta via email o telefono, perchè altrimenti non avrebbe tempo di lavorare anche sul tuo sito.

Per i piccoli e medi siti quindi la differenza non è tanto nella qualità del sito web (che sarà simile tra agenzie e freelance), ma piuttosto nel tipo di interazione e nel tempo a disposizione che possono offrirti.

Scegli una agenzia se:

  • vuoi un team dedicato a ogni parte del progetto
  • vuoi una persona libera di stare al telefono per ore ascoltando ogni tua richiesta e modifica
  • pagare di più per un sito modificato in ogni minimo dettaglio

Scegli un freelance se:

  • ti basta interagire con una persona che si occupa da sola di tutto il progetto
  • vuoi un servizio veloce e diretto, con richieste semplici accordate via email
  • pagare meno per un sito professionale già pronto, che non ha bisogno di grandi modifiche nei particolari

pagare un servizio o un sito web?

La questione è diversa invece per i grandi siti con migliaia, milioni di pagine o funzioni specifiche.

Questi enormi progetti sono troppo complessi per un solo freelance.

In questo caso è praticamente necessario lavorare con una media o grande Web Agency: solo loro hanno tante persone specializzate su diversi ambiti, che possono lavorare all’unisono per un sito molto complicato.

Cosa devi pagare per creare un sito?

I prezzi della tabella sui prezzi per un sito possono cambiare a seconda di della complessità delle tue richieste, della quantità di funzioni, testi o foto di cui hai bisogno.

Possiamo dividere i costi in 6 categorie principali:

1) Hosting e Dominio: è il costo che paghi per mantenere i file del tuo sito su un server online, più il tuo indirizzo (www.esempio.it) con cui il sito sarà raggiungibile dagli utenti. Solitamente si paga ogni anno. Per piccoli e medi siti italiani si può usare un provider condiviso come Netsons, che costa circa 35 euro all’anno.

2) Template grafico e usabilità (Front-end): è la parte estetica del tuo sito, la struttura superficiale con cui interagiscono gli utenti, i colori e l’organizzazione visiva dei contenuti. Solitamente si paga una volta sola, quando crei il tuo sito o quando vuoi cambiarne la grafica. Utilizzando un CMS come WordPress, puoi acquistare migliaia di template professionali già pronti su siti come Themeforest, pagandoli tra i 50 e i 70 euro.

3) CMS, Database, Plugin (Back-end): fanno parte della struttura interna al sito, i codici di sviluppo e le funzioni con cui vengono gestiti, creati e ordinati i testi, le immagini e qualsiasi altro tipo di contenuti presenti sul tuo sito. I migliori Content Management System sono gratuiti (come WordPress) oppure a pagamento (come i CMS proprietari creadi da qualche agenzia). In alcuni casi può essere necessario pagare un abbonamento annuale per tenerli aggiornati e sicuri nel tempo, ad esempio per alcuni plugin per creare siti multilingua.

4) Testi: sono i contenuti testuali del sito, le descrizioni, gli articoli e le informazioni che inserisci nel tuo sito. Se non puoi scriverli da solo, allora devi pagare qualcuno per farlo. Se vuoi un sito statico puoi pagare una volta sola tutti i testi necessari, altrimenti se hai bisogno di un sito che viene aggiornato nel tempo con nuovi contenuti allora dovrai trovare qualcuno che li possa scrivere ogni mese. Oggi è semplice fare un sito multilingua, ma nel caso in cui volessi una traduzione delle tue pagine in diverse lingue dovrai comunque mettere in conto il costo di traduzione.

cosa pagare per fare un sito?

5) Immagini e video: un sito ha bisogno di foto / loghi / icone / immagini e qualche volta anche di video. Se non hai già delle immagini / video che puoi usare o se ti serve un sito per una grande azienda e non puoi usare risorse gratuite, dovrai mettere in budget dei soldi anche per questa parte. Ci sono siti dedicati all’acquisto di foto, come Shutterstock, Fotolia o Gettyimages.

6) Funzioni e applicazioni specifiche: se il tuo sito vuole offrire delle funzioni particolari, ad esempio un comparatore di prezzi che raccoglie dati da diversi database e li confronta tra loro, oppure un servizio di tracciamento geografico per eventi e user-generated content, dovrai probabilmente pagare un team di sviluppatori per creare queste complesse funzioni customizzate.

Di quale sito hai davvero bisogno?

Se non conosci già i diversi tipi di siti web elencati nella tabella dei prezzi o se non sei sicuro del tipo di sito di cui hai bisogno, ecco alcune specifiche:

Sito web statico / vetrina: si tratta solitamente di siti con poche pagine, testi brevi e qualche foto, usati come semplice vetrina online per il tuo brand, negozio e attività. Servono come centro di contatto per i tuoi clienti, che possono trovare le informazioni generali sulla tua attività e i contatti per mandarti un messaggio o telefonarti. In questi siti solitamente non si prevede un aggiornamento continuo: le pagine rimangono all’incirca le stesse per molto tempo, finchè non c’è bisogno di modificare qualche informazione importante. Se non hai grosse pretese o non ti interessa pubblicare sul tuo sito news aggiornate ogni settimana, questa è probabilmente la soluzione migliore e più economica.

Sito web dinamico: oltre ad avere le pagine base con le informazioni su chi sei, cosa fai e come contattarti, solitamente un sito dinamico ha anche una sezione “news”, “articoli” o “eventi” che viene aggiornata di frequente. Per questo si chiama “sito dinamico”: è un sito vivo, in continua evoluzione, dove puoi pubblicare nuovi contenuti con facilità. Un freelance onesto ti crea un sito dove puoi inserire nuove pagine e news da solo, senza dover pagare ogni volta qualcuno per fare una semplice modifica. Il costo e la complessità del sito può aumentare a seconda del numero di pagine che si vogliono inserire.

ci sono diversi tipi di siti web

Sito web con Applicazioni / funzioni specifiche: come spiegato qui sopra si tratta di creare un sito che offre delle funzioni particolari, oltre a testi, immagini, foto e video. La complessità di questo tipo di sito varia a seconda di quello che vuoi offrire e gli esempi sono infiniti: siti come Facebook, Google Maps, Trivago, Trenitalia, Wetransfer, Twitter o Youtube. Naturalmente siti di questo tipo hanno un costo molto elevato.

eCommerce: il cosiddetto “negozio online” per vendere i tuoi prodotti o servizi ha bisogno di una struttura specifica per permettere la vendita e la gestione dei pagamenti online. Oggi fortunatamente esistono sistemi come Woocommerce che permettono la creazione di piccoli e medi eCommerce professionali in maniera molto semplice, riducendo sensibilmente i costi. Nel caso tu abbia invece decine di migliaia di prodotti da vendere online, probabilmente Woocommerce non sarà sufficiente e dovrai affidarti a un sito creato apposta per le tue esigenze.

Costi aggiuntivi dopo che il sito è online?

Oltre alle diverse caratteristiche e funzioni che servono per mettere online un sito, ci sono altre attività strettamente legate alla sua promozione che possono aumentarne i costi.

Una volta che il tuo sito è pubblicato su internet, se vuoi che sia trovato da potenziali clienti puoi fare due cose:

  1. Promuoverlo con pubblicità online e offline
  2. Fare in modo che esca nei primi risultati di Google per ricerche relative a quello che vendi (Search Engine Optimization)

In entrambi i casi dovrai probabilmente pagare qualcuno per lavorare su queste attività di promozione e ottimizzazione del sito, in modo che sia trovato da nuovi clienti.

I costi relativi alla promozione online possono partire da alcune centinaia di euro al mese fino a grandi campagne di marketing da decine o centinaia di migliaia di euro. Leggi i dettagli sui costi di una consulenza SEO per posizionare il tuo sito su Google.

aggiornamenti e promozione del sito web

Un costo aggiuntivo di cui ho già parlato è quello degli aggiornamenti del sito, sia quelli relativi ai contenuti, sia quelli relativi al CMS o ai plugin.

Se hai a disposizione un piccolo / medio sito fatto con WordPress, creare nuove pagine e contenuti può essere davvero facile. Se ami scrivere puoi farlo anche da solo, magari seguendo qualche consiglio su come scrivere per il web.

La stessa cosa vale per un piccolo / medio eCommerce fatto con WordPress: puoi inserire da solo nuovi prodotti facilmente, senza dover pagare qualcuno per farlo.

Anche gli eventuali aggiornamenti del CMS e Plugin sono semplici con WordPress. Con un po’ di attenzione durante l’aggiornamento (magari facendo prima un backup del sito) puoi benissimo farlo da solo.

Se non hai dimestichezza con la scrittura o con la tecnologia, oppure se il tuo sito è molto grande e bisogna creare nuovi contenuti ogni settimana, allora dovrai pagare qualcun altro per farlo.

Creare un sito da solo, gratuitamente

A seconda di quello che ti serve e della tua capacità di scrivere e manipolare la tecnologia, potresti anche evitare di pagare qualcuno per mettere il tuo sito online.

creare sito web gratuito da solo

Di base potresti aprire un sito gratuito su piattaforme come WordPress.com e Blogger: non hai nessun costo annuale e puoi pubblicare da solo quello che scrivi.

Naturalmente siti di questo tipo hanno meno opzioni tra cui scegliere, sono poco professionali (rendendo i tuoi contenuti poco affidabili per i clienti) e non è facile ottimizzarli per i motori di ricerca. Se non vuoi spendere nulla, puoi comunque farlo.

Se invece vuoi creare da solo un sito professionale puoi pagare solo i 35 euro all’anno per l’hosting su Netsons (lo stesso che uso per questo sito), installare WordPress dal loro sistema, scegliere un template gratuito e iniziare a pubblicare le tue pagine.

Puoi leggere diversi tutorial su come creare un sito WordPress e con un po’ di iniziativa e impegno puoi raggiungere risultati di altissima qualità spendendo davvero poco.

Hai qualche domanda?

Mi auguro che questo lungo articolo sia riuscito ad aiutarti a capire quanto costa davvero un sito web.

Se hai altre domande o ti serve un preventivo dettagliato mandami una email.

Buona fortuna con il tuo sito!